Trionfo mahleriano per Noseda a New York

Di passaggio a New York, l’Ascoltatore non poteva esimersi dall’informarsi sul cartellone musicale della Grande Mela. Purtroppo, fine maggio è un pessimo periodo: finita la stagione operistica, chiusa quella della New York Philharmonic, i grandi appuntamenti scarseggiano. Per fortuna, dal 1991, la Metropolitan Opera Orchestra cambia veste e si esibisce in una ministagione alla Carnegie Hall, la stupenda sala da concerto all’angolo tra la settima avenue e la 57.ma strada. Come non approfittarne?

Ghiotta l’occasione. Sul podio della MET Orchestra (come si chiama la veste sinfonica del
complesso operistico) il milanese Gianandrea Noseda. Solista, il violinista canadese James Ehnes. La prima parte del concerto è consistita nel concerto per violino e orchestra n.5 K 219 “Türkisch” di Mozart. La seconda interamente dedicata alla Quinta di Mahler.

Continua a leggere

Beethoven, punto di arrivo e di partenza

Due concerti ravvicinati delle principali istituzioni musicali romane hanno fatto di Beethoven una sorta di centro di gravità per la musica successiva, con due percorsi in direzione opposta: all’Opera, si è partiti da Schnittke, attraverso Schönberg e Wagner per arrivare alla Settima Sinfonia del gigante di Bonn; a Santa Cecilia, prese le mosse dalla Prima Sinfonia di Beethoven per arrivare a un altro compositore del Novecento, Shostakovich. Un viaggio indietro e avanti nel tempo, quasi che Beethoven fosse l’alfa e l’omega della musica.

(foto Musacchio & Ianniello, Accademia Nazionale di S. Cecilia)

Continua a leggere

Gustav Mahler o della fine

 

Gustav Mahler affermava che una sinfonia deve essere un mondo. La sua ultima sembra esserne la fine. Il compositore completò la Nona nell’estate del 1909, ma non ebbe la possibilità di ascoltarla in vita. La si potrebbe definire un presentimento di morte, non solo individuale ma collettiva. Ebreo boemo di lingua tedesca, come Franz Kafka e Hans Kelsen, al contrario dello scrittore e del giurista Mahler non ha assistito alla fine del mondo asburgico; nato nel 1860 (Kafka era del 1883, Kelsen del 1881), morì nel 1911 per un’endocardite. Ma forse è stato il vero interprete della Finis Austriæ.

Continua a leggere

Billy Budd, ovvero della gelosia maschile

 

Per la prima volta a Roma va in scena Billy Budd di Benjamin Britten, opera del 1951, ridotta in due atti dall’autore nel 1960. Bene ha fatto il Teatro dell’Opera a proporre questo titolo inedito, che ha riscosso un ottimo successo davanti a un pubblico ritenuto di solito molto tradizionalista. Alla riuscita ha contribuito forse anche la folta presenza di stranieri, che dà alle rappresentazioni quel giusto tocco internazionale, che dovrebbe essere la norma in una Capitale. L’opera (e i teatri in cui viene rappresentata) dovrebbe essere anche un’attrattiva turistica, visto che fa parte integrante del patrimonio culturale italiano, una delle cose più apprezzate dagli stranieri. Continua a leggere

Omaggi a Debussy e a Rossini

 

Il 2018 è il 150° anniversario della morte del grande compositore pesarese e il centenario della scomparsa dell’autore di La Mer. L’Accademia Nazionale di Santa Cecilia ha voluto celebrare le ricorrenze in due concerti andati in scena a una settimana di distanza, che sono stati l’occasione per ammirare le doti di due direttori molto diversi eppure capaci entrambi di regalare grande musica. Continua a leggere

Le delizie del violino e della voce

Un ritorno e un debutto. La scena musicale romana ha riabbracciato Maxim Vengerov dopo quattordici anni di assenza e ha accolto per la prima volta Sabine Devieilhe. Il grande violinista russo si è esibito in un concerto da camera per la stagione della Filarmonica Romana al Teatro Argentina, mentre il soprano francese ha deliziato il pubblico di Santa Cecilia interpretando tre arie da concerto di Mozart.

Maxime Vengerov – credits: Max Pucciariello

Sabine Devieilhe credits: Musacchio&Ianniello

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

L’opera tra il verismo di Verga e il teatro nel teatro di Pirandello

(Cavalleria rusticana/Teatro dell’Opera di Roma)

Che esistano solo due generi di musica – quella bella e quella brutta – è frase attribuita a tanti, io l’ho sentita accreditata a Leopold Stokowski. Lo stesso si può dire delle regie d’opera postmoderne. Io non ho nulla contro le “riletture” del melodramma o il cosiddetto teatro di regia. Tutto sommato, l’opera lirica è un “recitar cantando” e del recitare bisogna tener conto. Senza dimenticare che ormai è improponibile la staticità dei personaggi durante le arie, soprattutto di quelli che in quel momento non cantano. Tutto questo per dire che la regia postmoderna di Cavalleria rusticana e Pagliacci all’Opera di Roma proposta da Pippo Delbono è brutta (il regista si è anche appropriato dell’ultima battuta: «La commedia è finita!»). E siccome se n’è parlato troppo, non dirò altro. Continua a leggere

Wagner vola tra Olanda e Norvegia

 

Il boato del pubblico che ha salutato l’accordo finale dell’orchestra dà la misura del trionfo per questo Fliegende Holländer a Santa Cecilia. Tutto ha funzionato per decretare il successo della produzione: orchestra in gran forma, direttore dal piglio giusto, compagnia di canto ben assortita e coro – superbamente istruito da Ciro Visco – tirato a lustro.

Continua a leggere

Quando il piano va forte

 

Modi diversi di suonare il pianoforte. Due appuntamenti romani hanno proposto due declinazioni dello strumento principe dalla musica romantica in poi. Per la stagione della Filarmonica Romana al Teatro Argentina, Roberto Prosseda ha accompagnato la lettura integrale de I fiori del male di Charles Baudelaire in cinque spettacoli, con l’esecuzione di composizioni di musicisti amati dal poeta francese. All’Auditorium Parco della Musica, un recital ha visto protagonista una Beatrice Rana in forma smagliante. Cominciamo dalla giovane solista salentina, 25 anni appena compiuti.

Il pianoforte sinfonico di Beatrice Rana
Entusiasmante concerto della pianista di Copertino in Sala Santa Cecilia (peraltro non gremitissima). Beatrice Rana, davvero in stato di grazia, ha proposto un programma in cui il pianoforte ha giocato con la musica sinfonica (programma già presentato ad Amsterdam, Lione, Colonia). Ha cominciato con uno Schumann intimo, i cinque brevi brani del Blumenstück. Più esplosivi gli Studi sinfonici: si tratta di un tema (non di Schumann ma di un dilettante, il barone von Fricken) e undici variazioni più un finale. Continua a leggere

Musica sacra per davvero

Negli appuntamenti concertistici romani non manca mai la musica sacra. Qui di seguito, tre concerti riconducibili al genere, anche se molto diversi tra loro.

Concerto Romano

Una perla del barocco romano (di autore toscano)
Imperdibile l’inaugurazione della rassegna “Filarmonica all’Argentina”. Giovedì 25 gennaio, i concerti della Filarmonica Romana al Teatro Argentina hanno preso avvio con La sete di Christo di Bernardo Pasquini, un oratorio del 1689, che il Concerto Romano, diretto da Alessandro Quarta, ha riportato in vita pochi anni fa, anche con un’incisione discografica.

Continua a leggere